Per info contattaci al numero (06) 55.00.816 – 327.8218.907 

Accertamento Post Contatore Roma – Delibera 40/14

Accertamento Post Contatore, compila tutte le caselle con i parametri sottostanti per ricevere un preventivo dettagliato.

250,00800,00

CTN offre i suoi servizi a prezzi convenzionati per agenzie e installatori. Se cerchi un partner affidabile e preciso chiamaci subito per scoprire le condizioni economiche a te dedicate.

Contattaci per richiedere una consulenza:
info@certificazionetecnicanormativa.it

In quali casi è necessaria la documentazione 40/14?

La Delibera ARERA n. 40/14 stabilisce le disposizioni riguardanti gli accertamenti della sicurezza degli impianti di utenza a gas e introduce una disciplina specifica per gli impianti modificati o trasformati. La documentazione prevista dalla Delibera è obbligatoria nei seguenti casi:

  1. PRIMA ATTIVAZIONE UTENZA GAS: Si riferisce al servizio richiesto alla Società di Vendita (fornitore di gas) per ottenere la fornitura di gas presso un indirizzo precedentemente non alimentato dalla rete gas. Questa situazione si verifica quando si richiede una nuova fornitura di gas dove non è ancora presente un contatore del gas.
  2. MODIFICA/TRASFORMAZIONE DELL’UTENZA GAS: Questo caso riguarda il servizio richiesto alla Società di Vendita (fornitore di gas) quando si effettuano modifiche, potenziamenti o manutenzioni straordinarie sull’impianto interno, ad esempio, dall’impianto del contatore del gas fino alla cucina o alla caldaia. Inoltre, la trasformazione dell’utenza riguarda gli impianti che in passato erano alimentati con un altro tipo di gas, come ad esempio il GPL.


Per garantire l’efficienza e la sicurezza degli impianti, l’ARERA richiede che vengano seguite precise procedure per l’attivazione o riattivazione della fornitura del gas.

Queste procedure includono l’obbligo di verificare la documentazione redatta dall’installatore, che consiste in specifici allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità dell’impianto.

Tra gli allegati richiesti ci sono il modulo G “Procedura con le indicazioni da seguire per ottenere l’attivazione”, il modulo H “, conferma della richiesta di attivazione della fornitura di gas” e il modulo IAttestazione di corretta esecuzione dell’impianto“.

Per la procedura di attivazione o riattivazione della fornitura di gas, il cliente finale deve compilare il modulo H/40, che include i dati necessari per individuare l’impianto da attivare e il cliente si impegna a non utilizzare l’impianto fino a quando non riceve la dichiarazione di conformità dall’installatore.

Il modulo I/40, invece, viene compilato dall’installatore e raccoglie tutte le informazioni e gli allegati tecnici richiesti.

È importante sottolineare che la documentazione 40/14 è obbligatoria quando è richiesta l’accertamento documentale, come previsto dalla Delibera ARERA n. 40/14, e si applica nei casi di nuova attivazione della fornitura di gas o quando si effettuano modifiche o trasformazioni agli impianti di utenza a gas.

Questo documento è composto da due sezioni, una che deve essere compilata dal distributore (indicante il codice assegnato alla domanda di attivazione) e una dall’installatore.

Il professionista Responsabile Tecnico dell’Impresa Installatrice in solido con il Legale Rappresentante dell’Impresa stessa attesta sotto la propria responsabilità che la messa in servizio dell’utenza a gas in questione è stata eseguita a norma rispettando il progetto quando obbligatorio.

Allegati Tecnici Obbligatori

a) Schema Tecnico dell’impianto;

b) Relazione Tecnica indicante quali tipologie e quantità di materiali o prodotti industriali sono stati utilizzati per la realizzazione dell’impianto.

Questo documento deve integrare i riferimenti ai marchi, la completa dichiarazione di rispondenza e gli eventuali certificati di prova emessi da istituti autorizzati. Inoltre l’installatore deve elencare i materiali, componenti e prodotti utilizzati e dichiarare la loro conformità all’articolo 6 del DM n. 37/2008 e ss. mm. e ii.

c) Attestazione Di Conformità nel caso si tratti di un impianto realizzato con sistemi oppure materiali non normalizzati;

d) eventuali dichiarazioni di conformità precedenti nel caso di impianti già esistenti.

e) Copia della visura camerale oppure del certificato di riconoscimento indicante i relativi requisiti tecnico-professionali

Il certificato di riconoscimento è una dichiarazione scritta con validità pari a 6 mesi (mentre la visura camerale ha validità 4 mesi), che è rilasciata dalla Camera di Commercio competente per territorio.

Si tratta di una modalità finalizzata a verificare il possesso dei requisiti tecnici e professionali da parte dell’azienda oppure del tecnico abilitato responsabile a cui è stata demandata l’esecuzione dell’impianto. Il certificato può essere sostituito dalla visura camerale riportante le medesime informazioni.

Nel caso in cui la validità del certificato risulti essere scaduta, è sempre possibile presentarlo se l’installatore riporti in calce alla copia del documento una dichiarazione ai sensi dell’artt. 46, 47 e 76 del DPR n. 445/2000, sottoscritta che le informazioni riportate al suo interno non hanno subito alcuna variazione.

Nel caso di impianti la cui portata termica nominale totale risulti essere superiore a 35 kW sono richiesti documenti aggiuntivi:

Progetto Esecutivo dell’Impianto, comprendente:

a) planimetria ubicativa per la descrizione delle utenze e delle relative componenti;

b) elaborato grafico esecutivo;

c) relazione tecnica di calcolo, integrante l’attestazione che l’impianto è conforme a quanto previsto dalla normativa di sicurezza.

Dichiarazione del progettista riguardante la prevenzione incendi

Se la domanda di attivazione/riattivazione presentata al distributore riguarda impianti gas in ampliamento – per esempio nel caso di rifacimento dell’impianto interno all’appartamento ma non di quello attestato su parti condominiali – il cliente finale deve presentare anche:

Rapporto tecnico di compatibilità seguendo quanto stabilito all’interno delle linee guida n. 11 del CIG

Si può visionare il regolamento adottato dall’Autorità presso il sito www.arera.it. In base a quanto previsto dalla normativa le aziende di distribuzione sono obbligate a effettuare l’accertamento post contatore, soltanto in seguito la verifica positiva della documentazione che attesta la correttezza dell’impianto in base alle norme cogenti e vigenti è possibile iniziare l’erogazione del gas.

Per Legge il cliente finale deve fornire all’azienda di distribuzione la documentazione relativa all’utenza entro 120 giorni solari dalla data in cui viene inviata la domanda di attivazione oppure riattivazione della fornitura.

Si tratta di un termine limite imprescindibile. Se si oltrepassa questo periodo di tempo, il fornitore ha l’obbligo di Legge di non accettare la suddetta documentazione. Di conseguenza la pratica sarà annullata e il cliente finale dovrà presentare una nuova domanda di attivazione dell’utenza.

É fondamentale per l’esame della documentazione presentata individuare prima dell’accertamento post contatore la portata termica nominale complessiva dell’impianto gas. I valori considerati sono quelli dichiarati dall’installatore. In caso di discordanze si fa riferimento ai valori più alti dopo aver ottenuto chiarimenti in merito.

Servizi correlati

Quanto costa realizzare un impianto elettrico?

Devi realizzare un nuovo impianto elettrico? Richiedi un preventivo gratuito e senza impegno, lo riceverai in pochi secondi sulla tua mail!
Roma

Domande Frequenti

Scegliere C.T.N. significa affidarsi a professionisti competenti e affidabili che si prenderanno cura delle tue esigenze in modo accurato, tempestivo e personalizzato.

  1. Seleziona il servizio di cui hai necessità e clicca su “Prenota e Acquista”.
  2. Puoi scegliere di pagare l’importo intero oppure pagare un acconto per l’accettazione della pratica per il servizio selezionato.
  3. Effettua l’accesso al tuo Account “Il mio account”, oppure “crea un nuovo account“.
  4. Scegli il metodo di pagamento , puoi pagare con carta, bonifico bancario oppure in contanti alla consegna. Se si sceglie di pagare un acconto, si può pagare direttamente online con carta di credito. 
  5. Inserisci i dati di consegna e di fatturazione e conferma l’ordine.
  6. Riceverai una chiamata dal nostro team tecnico per programmare l’appuntamento del sopralluogo secondo le tue disponibilità.

 

Stiamo al momento lavorando su un sistema di prenotazione online. Nel frattempo, per pianificare un sopralluogo, sarete contattati via telefono o tramite WhatsApp.

CTN rilascia anche una copia in formato digitale (scaricabile dall’area personale) dove rimarrà comunque archiviata e disponibile per il cliente registrato sul nostro sito.

In particolare a richiesta CTN potrà sulla stessa cartella dedicata caricare altra documentazione integrativa o la medesima firmata digitalmente (firma digitale forte formato *.p7m recepibile dalla Pubblica Amministrazione)

Impianti realizzati tra il 13 aprile 1990 e il 24 marzo 2008, privi di dichiarazione di conformità possono essere sanati mediante applicazione dello strumento della Di.Ri. ovverosia Dichiarazione di Rispondenza emessa previ controlli e verifiche tecniche direttamente da un tecnico abilitato

Può essere redatta da professionisti iscritti ad un ordine da oltre cinque anni e da tecnici specializzati.  

La dichiarazione di conformità è composta da diversi documenti che possono variare a seconda del settore o del tipo di impianto oggetto della conformità.

Per un impianto ad uso civile vengono rilasciati i seguenti documenti :

  1. Dichiarazione di conformità.
  2. Schema dell’impianto.
  3. Tipologia di materiali d’utilizzo.
  4. Documenti  anagrafici/camerali con dimostrazione dei requisiti abilitativi del rilascio delle Dichiarazioni di Conformità

Una volta completato il sopralluogo e raccolti tutti i dati necessari per la compilazione della documentazione richiesta, garantiamo una consegna media entro 48-72 ore.

BONIFICO BANCARIO – Le coordinate bancarie IBAN sono indicate direttamente in fattura, consentendo di saldare per via telematica con la propria banca o tramite bonifico bancario allo sportello. Il pagamento si ritiene effettuato quando l’importo è disponibile sul conto, quindi risulta incassato.

CARTE DI CREDITO / DEBITO – Le transazioni con carta di credito si effettuano sulla piattaforma protetta di Stripe. I dati della vostra carta di credito non transiteranno nel nostro sito ma in quello di Stripe, che utilizza il protocollo SSL3 a 128 bit, lo standard di sicurezza più elevato per l’invio di informazioni sensibili attraverso la rete Internet.

PAGAMENTO IN CONTANTI – Pratiche quali CILA , SCIA, APE, Variazioni Catastali DOCFA, ecc, necessitano di sopralluogo e/o asseverazioni, quindi generalmente il pagamento è diretto ed immediato a vista fattura o tramite bonifico bancario. Le modalità ed i canali di pagamento vengono comunque indicati e regolati dall’affidamento d’incarico. Il limite di legge per i pagamenti in contanti è stabilito a 1.000 €, ma sono preferibili Bonifici Bancari per qualsiasi importo superiore a 300 €.

Prima di contattarci direttamente, ti invitiamo a consultare le nostre “Domande Frequenti”, dove potresti trovare già le risposte che stai cercando.

Se le risposte non sono presenti o hai bisogno di ulteriori informazioni, siamo qui per aiutarti. Puoi contattarci tramite email all’indirizzo info@certificazionetecnicanormativa.it. Il nostro team sarà lieto di rispondere alle tue richieste nel più breve tempo possibile.

Inoltre, per un contatto più immediato, ci puoi raggiungere anche su Whatsapp al numero 327-8218-907.