Per info contattaci al numero (06) 55.00.816 – 327.8218.907 

Certificato di Resistenza al Fuoco – CERT_REI

Compila tutte le caselle con i parametri sottostanti per ricevere un preventivo dettagliato per il Certificato di Resistenza al Fuoco – CERT_REI

300,002.000,00

CTN offre i suoi servizi a prezzi convenzionati per agenzie e installatori. Se cerchi un partner affidabile e preciso chiamaci subito per scoprire le condizioni economiche a te dedicate.

Contattaci per richiedere una consulenza:
info@certificazionetecnicanormativa.it

La Resistenza al Fuoco ed il Carico di Incendio

La Progettazione Antincendio di una attività necessita, di valutare e verificare la resistenza al fuoco delle strutture, sia che queste siano strutture in acciaio, strutture in C.A o C.A.P, strutture in legno oppure miste. Il requisito che devono soddisfare è commisurato al carico di incendio e consente in prima approssimazione di valutare il tempo e l’intensità di un potenziale incendio all’interno del compartimento.

Nel Codice è presente un paragrafo specifico chiamato S.2 Resistenza al Fuoco che rappresenta una vera e propria strategia da applicare per garantire la capacità portante delle strutture in condizioni di incendio nonché la capacità di compartimentazione, per un tempo minimo necessario al raggiungimento degli obiettivi di sicurezza di prevenzione incendi.

Esecuzione delle Verifiche di Resistenza al Fuoco

Eseguito il calcolo del carico di incendio, si è ottenuto un requisito R da garantire (es. R15, R20, R30, R45, R60, R90, R120…) ed è quindi necessario eseguire la verifica di resistenza al fuoco della struttura. Per fare ciò è possibile percorrere tre strade tecnicamente differenti (ma ne esiste una quarta):

CERT.REI metodo tabellare: è quello più semplice, infatti per la valutazione si utilizzano le tabelle contenute nell’allegato al DM 16/02/2007 “Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione” oppure, nel caso si utilizzi il DM 03/08/2015 “Codice di Prevenzione Incendi” si utilizzano le tabelle contenute al paragrafo S.2.15.

1. pregi: estrema facilità di utilizzo;
2. difetti: altezza massima di pareti e pilatri da rispettare, spessore minimo di intonaco, area complessiva di armatura e sezione trasversale del pilastro ecc…(nel caso in cui non si rispettato i parametri richiesti, è necessario eseguire la verifica con metodo analitico).

CERT.REI metodo sperimentale: è quello demandato a terzi, infatti per la valutazione si fa riferimento a delle prove sperimentali eseguite in laboratori autorizzati. In funzione dell’esito delle prove viene rilasciato la certificazione, la quale riporta le caratteristiche di resistenza al fuoco del campione analizzato.

Queste certificazioni, in funzione del metodo utilizzato per eseguirle prendono il nome di rapporto di prova o rapporto di classificazione. Equivalentemente, nel caso si utilizzi il DM 03/08/2015 “Codice di Prevenzione Incendi” si utilizzano i criteri contenuti al paragrafo S.2.13.

1. pregi: estrema facilità di utilizzo;
2. difetti: esito della verifica demandata al costruttore e/o certificatore a seguito di onerose prove sperimentali in laboratorio, costi elevati di adeguamento (nel caso in cui non siano presenti prove sperimentali, è necessario eseguire la verifica con metodo analitico).

CERT.REI metodo analitico: è più complesso dei precedenti, infatti per la valutazione di resistenza al fuoco, necessariamente un professionista iscritto nell’elenco del M.I., deve eseguire una valutazione analitica secondo le indicazioni contenute negli Eurocodici. Nel caso si utilizzi il DM 03/08/2015 “Codice di Prevenzione Incendi” si utilizzano i criteri contenuti al paragrafo S.2.14.

Essi si suddividono in “semplificati” ed “avanzati”.

1. pregi: nessun limite di applicabilità, ottimizzazione delle resistenze e risoluzione di problematiche riducendo i costi di adeguamento strutturale;
2. difetti: necessità di conoscere le sollecitazioni caratterizzanti la struttura in accordo alle NTC 2018 (altrimenti possono essere ricalcolate) e studio della struttura nella sua interezza.

CERT.REI metodo analitico: è quello più complesso e a più alto contenuto ingegneristico e prestazionale, infatti per la valutazione di resistenza al fuoco, necessariamente un professionista iscritto nell’elenco del M.I., deve eseguire una valutazione analitica riconducibile ad un metodo analitico tradizionale, ma la sollecitazione termica che deve applicare alla struttura è decisamente differente. Non deve applicare la Curva ISO 834 ma bensì la curva naturale di incendio ottenuta da modellazioni avanzate CFD.

1. pregi: nessun limite di applicabilità, massimizzazione delle resistenze e risoluzione di problematiche riducendo i costi di adeguamento strutturale, fino ad evitarli completamente;
2. difetti: necessità di conoscere le sollecitazioni caratterizzanti la struttura in accordo alle NTC 2018 (altrimenti possono essere ricalcolate) studio della struttura nella sua interezza.

La scelta del metodo di verifica della Resistenza al Fuoco

Se il produttore ti fornisce i CERT.REI sperimentali, usa quelli (ma occhio ai limiti di applicabilità e valenza dei certificati stessi).

Se la tua struttura risulta verificata con i CERT.REI tabellari, usa quelli perché il tempo da impiegare per verificare la struttura sarà veramente contenuto.

Se la struttura inizia ad evidenziare criticità, prima di predisporre protettivi, esegui la verifica con i CERT.REI analitici, nella maggior parte dei casi questa soluzione consente di ottenere il risultato spostando il lavoro dall’adeguamento alla progettazione.

CERT.REI che possiamo produrre

  • CERT.REI struttura in acciaio (non protette oppure protetto con vernici
    intumescenti)
  •  CERT.REI struttura in c.a. (calcestruzzo armato – cemento armato)
  •  CERT.REI struttura in legno
  • CERT.REI struttura in muratura
  • CERT.REI strutture miste e complesse
  • CERT.REI solaio in predalles, latero-cemento, soletta piena con armatura
    monodirezionale, misti di lamiera di acciaio con riempimento di calcestruzzo
  • CERT.REI strutture esistenti
  • CERT.REI modulistica VVF

Testimonianze dei nostri clienti

Scopri cosa pensano i nostri clienti delle nostre competenze, della nostra cortesia e del nostro modo di lavorare!

Servizi correlati

Quanto costa realizzare un impianto elettrico?

Devi realizzare un nuovo impianto elettrico? Richiedi un preventivo gratuito e senza impegno, lo riceverai in pochi secondi sulla tua mail!
Roma

Domande Frequenti

Scegliere C.T.N. significa affidarsi a professionisti competenti e affidabili che si prenderanno cura delle tue esigenze in modo accurato, tempestivo e personalizzato.

  1. Seleziona il servizio di cui hai necessità e clicca su “Prenota e Acquista”.
  2. Puoi scegliere di pagare l’importo intero oppure pagare un acconto per l’accettazione della pratica per il servizio selezionato.
  3. Effettua l’accesso al tuo Account “Il mio account”, oppure “crea un nuovo account“.
  4. Scegli il metodo di pagamento , puoi pagare con carta, bonifico bancario oppure in contanti alla consegna. Se si sceglie di pagare un acconto, si può pagare direttamente online con carta di credito. 
  5. Inserisci i dati di consegna e di fatturazione e conferma l’ordine.
  6. Riceverai una chiamata dal nostro team tecnico per programmare l’appuntamento del sopralluogo secondo le tue disponibilità.

 

Stiamo al momento lavorando su un sistema di prenotazione online. Nel frattempo, per pianificare un sopralluogo, sarete contattati via telefono o tramite WhatsApp.

CTN rilascia anche una copia in formato digitale (scaricabile dall’area personale) dove rimarrà comunque archiviata e disponibile per il cliente registrato sul nostro sito.

In particolare a richiesta CTN potrà sulla stessa cartella dedicata caricare altra documentazione integrativa o la medesima firmata digitalmente (firma digitale forte formato *.p7m recepibile dalla Pubblica Amministrazione)

Impianti realizzati tra il 13 aprile 1990 e il 24 marzo 2008, privi di dichiarazione di conformità possono essere sanati mediante applicazione dello strumento della Di.Ri. ovverosia Dichiarazione di Rispondenza emessa previ controlli e verifiche tecniche direttamente da un tecnico abilitato

Può essere redatta da professionisti iscritti ad un ordine da oltre cinque anni e da tecnici specializzati.  

La dichiarazione di conformità è composta da diversi documenti che possono variare a seconda del settore o del tipo di impianto oggetto della conformità.

Per un impianto ad uso civile vengono rilasciati i seguenti documenti :

  1. Dichiarazione di conformità.
  2. Schema dell’impianto.
  3. Tipologia di materiali d’utilizzo.
  4. Documenti  anagrafici/camerali con dimostrazione dei requisiti abilitativi del rilascio delle Dichiarazioni di Conformità

Una volta completato il sopralluogo e raccolti tutti i dati necessari per la compilazione della documentazione richiesta, garantiamo una consegna media entro 48-72 ore.

BONIFICO BANCARIO – Le coordinate bancarie IBAN sono indicate direttamente in fattura, consentendo di saldare per via telematica con la propria banca o tramite bonifico bancario allo sportello. Il pagamento si ritiene effettuato quando l’importo è disponibile sul conto, quindi risulta incassato.

CARTE DI CREDITO / DEBITO – Le transazioni con carta di credito si effettuano sulla piattaforma protetta di Stripe. I dati della vostra carta di credito non transiteranno nel nostro sito ma in quello di Stripe, che utilizza il protocollo SSL3 a 128 bit, lo standard di sicurezza più elevato per l’invio di informazioni sensibili attraverso la rete Internet.

PAGAMENTO IN CONTANTI – Pratiche quali CILA , SCIA, APE, Variazioni Catastali DOCFA, ecc, necessitano di sopralluogo e/o asseverazioni, quindi generalmente il pagamento è diretto ed immediato a vista fattura o tramite bonifico bancario. Le modalità ed i canali di pagamento vengono comunque indicati e regolati dall’affidamento d’incarico. Il limite di legge per i pagamenti in contanti è stabilito a 1.000 €, ma sono preferibili Bonifici Bancari per qualsiasi importo superiore a 300 €.

Prima di contattarci direttamente, ti invitiamo a consultare le nostre “Domande Frequenti”, dove potresti trovare già le risposte che stai cercando.

Se le risposte non sono presenti o hai bisogno di ulteriori informazioni, siamo qui per aiutarti. Puoi contattarci tramite email all’indirizzo info@certificazionetecnicanormativa.it. Il nostro team sarà lieto di rispondere alle tue richieste nel più breve tempo possibile.

Inoltre, per un contatto più immediato, ci puoi raggiungere anche su Whatsapp al numero 327-8218-907.